Il codice del volo

Compagnia del Sole

Il codice del volo

Dagli studi, i disegni, gli scritti, gli appunti di Leonardo
CON
  • Flavio Albanese
SCRITTO E DIRETTO DA
  • Flavio Albanese
COLLABORAZIONE ARTISTICA
  • Marinella Anaclerio
IMPIANTO SCENICO
  • Flavio Albanese
DISEGNO LUCI
  • Valerio Varresi
ASSISTENTE ALLA REGIA
  • Vincenzo Lesci
FOTO DI COPERTINA
  • Attilio Marasco
PRODUZIONE
  • Compagnia del Sole
durata
  • 75 minuti

Quando avrete imparato a volare camminerete sulla terra guardando il cielo perché è lì che siete stati ed è lì che vorrete tornare (Leonardo da Vinci)

Flavio Albanese racconta la vita, le peripezie, i miracoli e i segreti del più grande genio dell’umanità, la sua particolarissima personalità, ma soprattutto, la sua voglia di conoscere e insegnare.

Perché Leonardo voleva volare? Lo spiega Zoroastro, il suo allievo, il suo giovane di bottega, ovvero l’assistente e amico fedele: Tommaso Masini. È proprio lui che ha sperimentato una delle più ardite invenzioni del Maestro: la “macchina per volare”.

Gli spettatori conosceranno la storia, l’umanità e soprattutto il modo di pensare di un genio poliedrico e originalissimo che è il simbolo del nostro Rinascimento. Protagonista assoluta è la curiosità, l’inquieta tensione dell’uomo verso la scoperta, l’incredibile capacità umana di arrivare oltre i limiti che la natura sembra imporci.

“Leonardo mi ha insegnato a non aver paura di volare. Tutto è sempre sotto i nostri occhi, domande e risposte. E’ il pensiero che genera la materia, non la materia che genera il pensiero.” (Flavio Albanese)

La Compagnia del Sole nasce tra Roma e Bari nel gennaio del 2010 rielaborando le precedenti esperienze artistiche iniziate nel 1991 da Marinella Anaclerio e Flavio Albanese con il progetto di “Beato e Angelica”.

La Compagnia crede in un teatro popolare, nel senso più alto del termine. La ricerca mira sempre ad elaborare linguaggi scenici che possano trasmettere in modo trasversale anche i temi più complessi dei testi affrontati.

Al centro di ogni lavoro c’è il desiderio di stimolare giovani artisti e pubblico a pensare in un modo nuovo, a re-immaginare costantemente il modo di fare e vedere teatro.

Torna al Teatro Civico della Spezia dopo il successo dello spettacolo Canto la storia dell’astuto Ulisse, andato in scena nella precedente edizione.

Share This

Copy Link to Clipboard

Copy