Teatro di Roma-Teatro Nazionale e Piccola Compagnia del Piero Gabrielli

“La storia di tutte le storie”

100 Gianni Rodari
DATE ANNULLATE
DA
  • Gianni Rodari
ADATTAMENTO
  • Attilio Marangon e Roberto Gandini
REGIA
  • Roberto Gandini
CON
  • Jessica Bertagni, Maria Teresa Campus, Fabrizio Lisi, Edoardo Maria Lombardo, Gabriele Ortenzi, Daniel Panzironi, Fabio Piperno, Giulia Tetta, Danilo Turnaturi
MUSICHE
  • Roberto Gori
SCENA
  • Paolo Ferrari
COSTUMI
  • Tiziano Juno
LUCI
  • Massimo Munalli
CONSULENTE
  • Maria Irene Sarti
CONSULENTE PEDAGOGICA
  • Anna Leo
PRODUZIONE
  • Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Piccola Compagnia del Piero Gabrielli
durata
  • 60 minuti

«Posso dichiarare che La storia di tutte le storie non si può considerare un testo teatrale finito, ma piuttosto la materia prima per un testo teatrale per l’immaginazione… di un regista, o di una compagnia teatrale, o di un gruppo di ragazzi messi in grado di usarne liberamente». (Gianni Rodari)

“La storia di tutte le storie” è il racconto di un viaggio che Arlecchino, Pulcinella, Colombina e Balanzone compiono alla ricerca de ”L’Uomo che non c’è”. Durante il viaggio i quattro protagonisti saranno aiutati da Pierrot e da “Il Bambino sperduto”, mentre verranno ostacolati dai cattivi, Pantalone e Smeraldina. Il viaggio toccherà molte tappe: il paese delle paure, il mercato delle parole, l’ospedale, ecc. Arriveranno poi sulla luna e lì, vedendo il perfido Pantalone che imperversa sulla terra, decideranno di tornare indietro per contrastare la perfidia del loro avversario.

Il testo, considerato il capolavoro teatrale di Gianni Rodari – di cui nel 2020 ricorre il centenario della nascita – viene scritto nel 1975  in collaborazione con un gruppo di artisti di grande livello quali Antonello Pischedda, Mara Baronti, Emanuele Luzzati, Gianni Fenzi, Angelo Corti, Sebastiano Tringali .

Questo testo è frutto dell’esperienza unica che, grazie ad Antonello Pischedda e Mara Baronti, si realizza alla Spezia improvvisando con i bambini delle scuole elementari della città all’interno del Centro Allende. In una nota al testo lo stesso Rodari scrive “… ho sempre creduto… che il teatro deve nascere a teatro. Scrivere un testo teatrale non è come scrivere una favola. Non basta il vocabolario.

Il lavoro dei ragazzi con e senza disabilità del Piero Gabrielli è iniziato prendendo alla lettera il consiglio di Gianni Rodari «Usarne liberamente!». Le improvvisazioni che ne sono scaturite hanno fatto nascere Il paese di Internet dove Arlecchino, Colombina, Pulcinella e Balanzone, si salvano da Pantalone che si è travestito da virus informatico.

Certo le maschere del teatro di Rodari non sono quelle dei canovacci rinascimentali, né quelle dei testi goldoniani o gozziani, nascono surrealisticamente dalle uova e affrontano gli ostacoli della vita con ingenuità e acume, imparando da sole come ci si comporta nel mondo, come si sta con agli altri, come si affrontano le paure. Questo avviene utilizzando sia il registro comico, sia quello poetico, che permette ai giovani “attori sensibili” del Piero Gabrielli di condividere con il pubblico la voglia di ridere delle difficoltà della vita.

La Piccola Compagnia del Piero Gabrielli è formata da interpreti, con e senza disabilità, giovani attori che hanno acquisito esperienza teatrale all’interno dei progetti del Laboratorio e che hanno preso parte agli spettacoli Prodotti dal Teatro di Roma – Teatro Nazionale. Il Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli è un’attività promossa, finanziata e organizzata da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, dall’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio e dal Teatro di Roma – Teatro Nazionale

Età consigliata: dai 5 anni per tutti
Ingresso: 5 euro